Armocromia e arredamento: come abbinare i colori nella tua casa

armocromia e arredamento

I colori giocano un ruolo fondamentale nell’arredamento di una casa. Troppo spesso il colore viene messo in secondo piano, si comincia a scegliere lo stile dell’arredamento che si vuole creare e il tipo di mobili preferito, dando per scontato che le pareti saranno dipinte di quel particolare colore che tanto piace. Poi arrivano gli arredi e con loro la botta: il colore scelto per le pareti cozza incredibilmente con l’arredamento!

Come tutti siamo scrupolosissimi nell’abbinare maglie, pantaloni e scarpe in modo da non uscire di casa la mattina nei panni di un improvvisato Arlecchino, dovremmo anche dedicare grande attenzione alla scelta dei colori di casa.
Non è soltanto una questione di gusto nell’abbinare tinte e tonalità, esistono anche altri buoni motivi da considerare se si vuole realizzare un ambiente accogliente e che colpisca la vista… Positivamente, s’intende!

  • La percezione degli spazi: i colori scuri assorbono la luce e tendono a restringere alla vista le stanze. Al contrario il bianco e le tinte chiare riflettono la luce dando una percezione di spazi più ampi di quanto non siano nella realtà.
  • L’umore: i colori hanno poi il grandissimo potere di modulare l’umore di una persona, così come il mood di un’ambiente, ed è proprio per questo che, sempre più spesso, nella fase di progettazione dell’arredo di un ambiente entra in gioco l’armocromia.

Cos’è l’armocromia

L’Armocromia è una scienza che studia l’armonia tra i colori e come essi possano cambiare la percezione visiva di un luogo o addirittura di una persona.
Viene spesso associata al mondo della consulenza d’immagine ma, soprattutto nell’ultimo periodo, anche gli interior designer si affidano a questa disciplina per le loro creazioni.

Durante la consulenza, si valutano il sottotono (caldo o freddo), il valore cromatico (chiaro o scuro) e l’intensità (alta, media o bassa) per poter collocare la persona analizzata in una delle 4 palette principali a cui è stato dato il nome delle 4 stagioni: estate, inverno, primavera e autunno.

Palette Estate

Composta da colori con sottotono freddo, valore cromatico chiaro e bassa intensità.

Nella palette Estate si collocano i colori cipriati, pastello, e i madreperla. I colori base di questa stagione sono il bianco (non brillante), il grigio e il tortora, da abbinare a colori come il rosa, il lilla, il celeste, il verde acqua e il ciclamino.

Palette Inverno

Una palette caratterizzata da sottotono freddo, da valore cromatico scuro e da intensità alta.

La palette Inverno, al contrario dell’estate, ha colori forti e intensi, racchiude tonalità profonde e scure, come il nero e il grigio, e altre con cui sono in netto contrasto, come il bianco e l’avorio. I colori che si abbinano a questa palette sono il viola, il blu elettrico e il rosso intenso, come quello dei frutti di bosco.

armocromia arredo rosso

Palette Primavera

La palette Primavera è caratterizzata da sottotono caldo, valore cromatico chiaro e alta intensità.

Comprende colori come il beige, il terracotta, l’albicocca, il giallo caldo, il corallo e tutte le tonalità di rosso e arancione che ricordano il tramonto. Nella palette Primavera rientrano anche alcune sfumature di verde e di blu, ma avendo alta intensità questa stagione richiama molto i colori brillanti e radiosi con sottotono caldo.

Palette Autunno

Una palette colori caratterizzata da sottotono caldo, valore cromatico scuro e bassa intensità.

Con la primavera condivide il sottotono caldo ma, in rispetto del nome che porta, la palette autunno si basa principalmente sui colori che richiamano l’omonima stagione, così come i colori dei boschi: verdi, gialli e marroni. Questi colori si sposano perfettamente con i beige, rossi e arancio dalle tonalità tenui. Per gli amanti del blu, un colore di gran moda in questa palette è l’ottanio.

Armocromia e arredamento

Se ti stai chiedendo se l’armocromia può essere applicata anche alla scelta dei colori di casa, la risposta è… Assolutamente sì!

armorcomia-ufficio-bianco-nero

Questa filosofia è utile per equilibrare e armonizzare le tinte della tua casa, ma attenzione a non abbinare troppo gli stessi colori: la monotonia è sempre in agguato dietro l’angolo. Per realizzare un ambiente armonioso bisogna partire da un colore dominante, un colore minore e uno complementare. Il colore dominante, ad esempio, può essere quello del pavimento, delle pareti o dei mobili principali.

Si può partire scegliendo il colore dominante pescando a piacimento tra i sottotoni caldi e freddi, sarà la base da cui partire per selezionare il colore minore e il complementare. È fondamentale che ci sia coerenza di sottotono tra tutti i colori scelti.

Nei casi in cui risulta più difficile combinare l’arredo con i colori della stanza, si dimostrerà un’ottima soluzione l’inserimento di mobili in vetro. Questo tipo di arredi si inserisce con estrema disinvoltura e discrezione in qualunque tipo di ambiente, aggiungendo un tocco di eleganza e raffinatezza che non guasta mai.

Ecco qualche esempio pratico di armocromia applicata all’arredamento:

Palette Autunno in salotto

Considerando come colore dominante del salotto il marrone con sfumature calde del parquet, il resto della stanza dovrà essere adeguato di conseguenza. I colori di riferimento dovranno quindi essere: marrone, ocra, grigio scuro, arancione e rosso. Ad esempio al parquet si potrebbero abbinare delle poltrone o un divano rosso, come Jerry, un tavolino ocra che riprende il colore dei cuscini sul divano e di una lampada.

Quelli della palette Autunno sono colori che aiutano a riscaldare l’ambiente e renderlo più accogliente.

divano-design-rosso
Divano letto design Jerry

Palette Estate per una camera da letto

Se la stanza da arredare è una camera da letto con pareti color panna decorate con sfumature rosa, dovranno essere utilizzati dei colori freddi come il grigio, il cipria, il rosa antico, il rosa salmone, il lilla o l’azzurro pastello. Si può pensare di arredare la camera con un letto con la testata grigia, come il letto matrimoniale imbottito Antonietta, un mobile beige, ad esempio dei settimini Clio, e degli oggetti dei colori propri della palette estate.

Il risultato sarà una camera da letto dominata da sfumature pastello tenui e rilassanti, proprio come i colori dell’estate che favoriscono il sonno e il riposo.

letto-imbottito-matrimoniale
Letto imbottito matrimoniale a rete fissa Antonietta

Palette primavera nel bagno

Per arredare un bagno seguendo la palette Primavera, la scelta di colori caldi e brillanti è d’obbligo. Per rompere la monotonia del solito bianco si possono scegliere, ad esempio, azzurro e blu: la brillantezza di un lavabo in vetro blu, come Giava 1-2,  è perfetta per decorare un bagno e arricchirlo, ad esempio, con la mensola della doccia Angolo doppio nella versione blu.

Con i colori della palette Primavera si riesce facilmente a ravvivare e donare luminosità all’ambiente.

lavabo-in-vetro-blu
Giava 1-2 lavabo in vetro arredo bagno

Arredare un Ufficio seguendo la palette Inverno

La scelta di colore più ovvia per arredare un ufficio secondo i dettami della palette Inverno? Certamente i colori di contrasto per eccellenza: il bianco e il nero. La situazione più facilmente immaginabile sarebbe un ufficio con pareti bianche a cui abbinare armadi, librerie come Giostra, scrivania e una poltrona operativa come Central e mensole Ala in acciaio in nero. Il risultato sarebbe uno studio professionale, dalla colorazione neutra che aiuta a mantenere la concentrazione e tiene lontane le distrazioni.

Nel catalogo di Infabbrica scoprirai una vasta selezione di mobili e arredi di design, rigorosamente Made in Italy, fabbricati su richiesta e quindi completamente personalizzabili. Potrai trovare i mobili dal design e dello stile che preferisci, sceglierne le colorazioni e arredare la tua casa secondo la palette che più si adatta al tuo ambiente e alla tua personalità!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>