Arredamento Shabby Chic… per una casa che “ricorda la tua vita”

I mobili shabby chic sono molto ricercati da chi vuole arredare la propria casa con gusto e originalità.

L’arredamento shabby chic, infatti, si distingue per l’utilizzo di mobili dall’aspetto invecchiato o con dettagli usurati. Questo non significa, però, che in una casa in stile shabby chic non possano convivere arredi dal sapore antico con alcuni mobili moderni: tutto sta alla capacità di scegliere gli stili e i colori, ambiente per ambiente, per creare una casa moderna capace di richiamare il passato, trasportando chi vi abita in un’atmosfera sognante.

sedia legno shabby chic
Sedia in legno classica Ciao SL

Mobili in stile shabby chic: cosa si intende e qual è la storia di questa tendenza

L’arredamento shabby chic, che letteralmente significa “trasandato elegante”, regala alla casa un tocco romantico. Infatti, essendo caratterizzato principalmente da mobili di colori tenui, tale stile sarà in grado di trasmettere un profondo senso di relax.

Dove e quando nasce lo stile shabby?

“Compra meno, scegli meglio e fai durare a lungo ciò che compri. Punta sulla qualità, non la quantità.”

Con queste parole Vivienne Westwood sintetizza l’essenza dell’arredare shabby chic, una tendenza ispirata alle verande delle campagne inglesi d’epoca vittoriana, tipicamente arredate con mobili di recupero, sbiaditi e usurati.

La pioniera che ha portato questo stile di arredo in Italia, alla fine degli anni Ottanta, è Rachel Ashwell , una designer che cominciò a creare ambienti caldi e accoglienti tramite l’utilizzo e l’accostamento, curato nei minimi dettagli, di vecchi mobili recuperati.

La vera abilità degli interior designer sta nel trovare mobili shabby chic a poco prezzo e inserirli in contesti da copertina, ma per i “comuni mortali” questa può non essere un’impresa così facile.

Cos’è lo stile shabby chic e come si distinguono i mobili che lo caratterizzano

Sentirsi a proprio agio in una casa arredata in stile shabby è naturale: un mondo fatto di piccole cose belle che sanno di passato, di vita vissuta e di ricordi.

Trasformare un pezzo d’arredo in un mobile in stile shabby richiede il rispetto di alcune regole: essere creativi, saper far convivere il vecchio con il nuovo, lasciarsi trasportare da uno stile che è imperfetto per natura e che fa di questo, il suo stesso punto di maggiore forza!

La dicotomia di questa tendenza, che associa lo stile povero al lusso della ricercatezza, è presente anche nel suo nome: shabby significa letteralmente trasandato, mentre chic… Beh, non ha bisogno di traduzioni.
Romantico, curato, femminile, delicato, caldo, apparentemente casuale, ma caratterizzato da una grande progettualità: tutto questo è lo stile dei mobili shabby chic che, se ben scelti, possono creare delle atmosfere d’altri tempi in qualsiasi casa.

Mobilio shabby chic: come integrarlo in un progetto di casa

Naturalmente, non basta andare al mercatino dell’usato e mettere insieme qualche vecchio mobile. Occorre, al contrario, seguire un progetto globale che tenga conto dei colori da scegliere e anche della possibilità di inserire qualche complemento di stile diverso senza tradire la linea shabby.

È molto importante, poi, capire come questa coerenza di stile possa essere creata in ogni ambiente della casa, rispettando alcuni semplici consigli e acquistando i giusti mobili shabby chic online.

Colori per mobili stile shabby: come scegliere quelli giusti

I mobili shabby chic sono caratterizzati da particolari materiali, texture, linee e colori. Nella scelta dei giusti elementi che creino l’atmosfera shabby è utile tenere presente la gamma di colori shabby chic per mobili, in modo tale da poter escludere tutti gli altri a priori.

Bianco, avorio e crema, sempre con le sfumature del legno o su basi opache, sono i colori che meglio si addicono a complementi d’arredo shabby. Per chi vuole ulteriormente osare, anche i colori pastello come il cipria, il verde acqua, l’azzurro e il grigio perla sono un porto sicuro.

Mobili shabby chic e mobili moderni: un binomio possibile?

Per creare una convivenza armoniosa tra mobili shabby e mobili moderni può essere sufficiente seguire le regole dell’abbinamento tra mobili antichi e moderni. Si tratta di poche semplici regole da tenere a mente:

  • Scegliere uno stile predominante e mantenerlo, anche in presenza di mobili di stile opposto;
  • Mantenere le giuste distanze tra mobili di diverso stile per evitare l’effetto mercatino;
  • Rispettare una palette di colori ben definita;
  • Attenersi al principio degli opposti, inserendo, in un contesto, un mobile con caratteristiche opposte a quelle dei componenti già presenti. Ad esempio, se nella stanza ci sono mobili shabby in total white, potrebbe essere una buona idea inserire un mobile moderno di colore oro o nero per discostarsi totalmente.

Arredo shabby chic e arredo antico: correlazioni e possibilità di accostamento

I mobili shabby chic non vanno confusi con i mobili antichi o di antiquariato.

Questi ultimi, infatti, sono solitamente mobili di grande pregio, sopravvissuti al tempo ed eventualmente sottoposti a interventi di restauro veri e propri. Come abbiamo visto, invece, i mobili in stile shabby non vantano nobili origini e, spesso, non hanno nemmeno una lunga storia, ma sono complementi a cui è stato volutamente conferito un aspetto vissuto.

Fatta questa distinzione, appare chiaro come accostare mobili antichi e shabby sia davvero molto difficile, anche se non impossibile!

Mobili shabby in camera da letto

Linee morbide, mobili dall’aspetto usurato, giochi di tessuti e tappeti appoggiati su pavimenti in legno. Ecco gli ingredienti immancabili in una camera da letto shabby chic.

Il protagonista in una camera shabby è il letto in ferro battuto che dona un aspetto country e antico alla stanza del relax per eccellenza. Il Letto in ferro battuto Wilde, ad esempio, grazie all’unione tra ferro battuto e lavorazioni elaborate, si presta bene ad essere inserito in contesti total shabby o anche per essere messo in contrasto con un arredamento classico.

Mobili per il soggiorno shabby chic

Il soggiorno e la sala da pranzo fanno parte di quella zona della casa in cui condividiamo momenti piacevoli, quella in cui il “vissuto” ha più valore, perché insieme ci si siede attorno al tavolo, si raccontano storie, si assaporano cibi e si costruisce la tradizione della famiglia.

Qui si può davvero giocare anche con i tessuti shabby ma, prima di tutto, occorre offrire un posto in stile dove far accomodare i nostri ospiti: la Sedia in legno classica Ciao SL, magari vestita di un cuscino ricamato, è sicuramente una scelta vincente.

Lampade shabby chic: l’importanza del progetto illuminotecnico

Per creare una continuità di stile davvero impeccabile, anche l’illuminazione gioca un ruolo fondamentale. La scelta di lampade, lampadari, abat-jours e piantane non può essere affidata al caso.
Alcuni materiali fanno da guida per la scelta dei complementi di illuminazione in stile shabby: vimini, legno, ferro battuto e, soprattutto, ottone.

lampada ottone da esterno
Lampade in ottone per esterni Silindar 3357

Ma tutte le lampade di ottone sono shabby chic?? Assolutamente no! Tutto dipende dalla loro lavorazione e, per non sbagliare, basterà ricordare sempre che la parola d’ordine è semplicità!

Se volete dare un tocco shabby anche al vostro giardino con una lampada da esterno, magari accostandola al legno bianco, le Lampade in ottone per esterni Silindar 3357 saranno la soluzione infallibile per richiamare il passato con stile ed eleganza.

Ora che hai capito come creare un arredamento in stile shabby chic in casa tua, scegli tutti quelli che ti servono tra i mobili rigorosamente Made in Italy del nostro e-commerce!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>